h1

A volte ritornano (ancora)

maggio 26, 2008

Dovete sapere, fedelissimi lettori, che cantare nel coro ha i suoi riscontri positivi anche nel campo sociale.

Si dà il caso che qualche anno fa (adesso non riesco a ricordarmi quanti, 3 o 4…), un fantastico coro léttone venne qui a fare una tappa del proprio tour europeo e noi lo ospitammo.
Solitamente io non ospito perché è un po’ un casino con mia sorella, con mia madre, con la stanza ecc., però quella volta lì ci siamo dette ma perché no, dai.
Mia madre, quella mongola, che sul foglio non aveva messo che volevamo delle ragazze, e io volevo delle ragazze, perché gli uomini mi mettono in imbarazzo la maggior parte del tempo e via di seguito, mi aveva portato in stazione a prenderli.
Scendono dal bus dopo un viaggio di 16 ore, distrutti. Uno di questi è simil-Beckham; biondo, occhialoni da sole effetto mosca, orecchini da niggaz. Ovviamente le mie compagne cominciano ad agitarsi “figo figo” mentre io ero lì che pensavo “ok, figo. Non a me, per favore. perfavoreperfavoreperfavore.”.
Ovviamente l’ho beccato io.
Ovviamente con lui c’era un suo amico ancora più bello.
Markus o Michael (il nome vero léttone è ancora diverso) e Edgars.
Ce li portiamo a casa, li sistemo nella mia camera rosa. Con il poster gigantesco di non si sa che modello che mi avevano regalato per i miei 16 anni. Poverini.
Il pomeriggio lo passiamo insieme, li portiamo in moto (esaltatissimi) al centro sportivo dove il marito di mia madre li accompagna fuori in canoa (esaltatissimi). Io seduta sulla spiaggia, beh, piuttosto felice di vedere quel ben di Dio in costume.
Loro uno splendore di persone, gentilissimi, simpatici. Concerto alla sera, ci sorridiamo tutto il tempo (cantano da Dio, menzionerei. Non loro in particolare, anche, ma il coro in generale).
Il giorno dopo già è ora di salutarli. Abbracci sotto la pioggia, foto insieme, ultimi canti e addii.

Adesso, dopo quattro anni, messaggio di oggi:
yeah, thats the same with me – few days ago was looking at pictures and thinking about these wonderful days and place at your side.🙂 Im fine, very much into pop scene now and am not singing in choir anymore🙂 but still, working in concertorganisation so I have to do lots of things with choirs🙂
where do u live now? How is Your family?

Come si fa a non amare sto uomo? Nel frattempo è diventato una specie di popstar in Lettonia, un po’ burino sì, ma tanto caruccio.

2 commenti

  1. Chissà perché non riusciamo a fare a meno di ripescare dal passato, periodicamente, inesorabilmente…
    In ogni caso ora vogliamo un link a questo mix tra Beckham, Justin Timberlake e immagino un neomelodico napoletano (spero di sbagliarmi, almeno sull’ultima)… 🙂


  2. è lì, sotto “popstar in lettonia”. quello lì è l’amorevole markus.

    non posso fare a meno, almeno io, perché il passato torna a bussar la porta, periodicamente.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: